Voyage pays producteurs
Etica

Commercio equo e solidale

I piccoli produttori creano i migliori caffè

Ripensare il commercio internazionale Un modello economico più equo

Dal 1992, Malongo si impegna a fianco di Padre van der Hoff, cofondatore dell'etichetta Max Havelaar, a sostenere i piccoli produttori di caffè. Da allora, questo impegno ha assunto varie forme: commercializzazione di caffè pre-dosati, campagne pubblicitarie, organizzazione di conferenze e simposi.
rameau-fleurs@2x
Il principio

Il commercio equo e solidale è “una partnership commerciale, basata sul dialogo, la trasparenza e il rispetto, che mira a una maggiore equità nel commercio internazionale”. Il suo principio di base? Il prezzo minimo garantito. Un prezzo di vendita indipendente dalle fluttuazioni del mercato azionario.

Pilastro economico

  • Il principio del “prezzo minimo d’acquisto”, che protegge i piccoli produttori dal calo dei prezzi.
  • Assegnazione dei premi per lo sviluppo sociale e dei premi per la qualità e il biologico.
  • Prefinanziamento dei raccolti.
  • Diversificazione delle fonti di reddito.

Pilastro sociale

  • Raggruppamento in cooperative.
  • I contadini sono nuovamente padroni del loro futuro e ritrovano la loro dignità.
  • Accesso alla salute, all’istruzione, alla formazione.
  • Riduzione della povertà e lotta contro l’esodo rurale

Pilastro ambientale

  • Specifiche rigorose: gestione dell’acqua e del suolo, gestione dei rifiuti, consumo energetico.
  • Riduzione dell’impatto delle colture sulle forme del terreno.
  • Riduzione dei fertilizzanti chimici e dei pesticidi.
  • Incoraggiamento a spostarsi verso una certificazione di agricoltura biologica.

 

Giusto pensiero
Fairtrade/Max Havelaar

Fairtrade/Max Havelaar è l’etichetta creata da Padre Francisco van Der Hoff e dall’economista Nico Roozen, entrambi olandesi, quando le comunità di produttori messicani si organizzarono in cooperative per commercializzare il loro caffè. Fairtrade/Max Havelaar assegna la sua etichetta ai prodotti (caffè, cacao, frutta, ecc.)

Fairtrade International è l’associazione che stabilisce gli standard internazionali per il commercio equo. Sostiene i produttori e ha funzionari di collegamento in ogni Paese. Infine, Max Havelaar France si occupa delle certificazioni e dell’organizzazione di diversi incontri importanti sul commercio equo e solidale nel nostro Paese.

SCOPRI FAIRTRADE/MAX HAVELAAR

 

 

IFAT

L’IFAT (International Fair Trade Association) è una delle più antiche reti di commercio equo e solidale, creata nel 1989, che assegna la sua etichetta alle organizzazioni e non ai prodotti. L’IFAT persegue gli obiettivi tradizionali del commercio equo: migliorare lo stile di vita dei contadini del Sud e creare un commercio alternativo più equo…

È un approccio etico che copre tutte le attività dell’azienda. L’etichetta si basa su 12 punti fondamentali del commercio equo e solidale relativi a questioni etiche, ecologiche, sociali, culturali e ambientali. I membri si impegnano a garantire la qualità dei prodotti, la trasparenza delle loro origini e i metodi di produzione.
SCOPRI IFAT

 

cerises+feuilles2@2x

Degusta le nostre varietà eque e solidali

16 cialde
Cialde Moka d'Ethiopie
AB_HD2 FM_MH_RGB
Biologico e del commercio equo e solidale Cialde Moka d'Ethiopie
5,20 €

16 cialde
Cialde Laos
FM_MH_RGB AB_HD2
Biologico e del commercio equo e solidale Cialde Laos
5,20 €

Un incontro decisivo

1992: l'inizio dell'avventura del commercio equo e solidale

Siamo nel 1992, in Messico, nello stato di Oaxaca: il direttore generale di Malongo, Jean-Pierre Blanc, è alla ricerca di un caffè biologico. Il suo viaggio lo porta fino alla comunità di UCIRI nell’Istmo di Tehuantepec. Questa cooperativa di coltivatori di caffè è il luogo di nascita del moderno commercio equo e solidale. Incontra poi Padre Francisco van der Hoff, cofondatore dell’etichetta Max Havelaar.

Un incontro decisivo, che segna una svolta nella storia di Malongo. Affascinato dai principi di questo modello economico più giusto, coinvolge la torrefazione di Nizza in questo percorso. 25 anni dopo, l’avventura tra Malongo e il commercio equo e solidale continua.

Malongo e il commercio equo e solidale

Sostenere e difendere i piccoli produttori

Nel 1997, Malongo è il primo marchio a introdurre nei supermercati francesi un prodotto del commercio equo Max Havelaar: il Caffè dei piccoli produttori. Ancora oggi, è la referenza del commercio equo e solidale più venduta in Francia. Vogliamo offrire una gamma sempre più ampia di prodotti certificati e contribuire a una migliore comprensione di questo nuovo modello di business.

Malongo ha un impegno a lungo termine con le cooperative di produttori. Paghiamo il prezzo di mercato e il premio di sviluppo. A questo prezzo bisogna aggiungere un eventuale premio “Agricoltura Biologica” e un premio di qualità, che varia a seconda del terroir. A parità di qualità, il prezzo Fairtrade è sempre più alto del prezzo di mercato convenzionale.

feuilles
  • 65%
    della quantità di caffè importata da Malongo è equa e solidale
  • 29
    origini di caffè del commercio equo e solidale importate
  • 13
    Paesi produttori di caffè del commercio equo e solidale
  • 5 096
    tonnellate di caffè del commercio equo e solidale importate
  • 2.247.012 $
    di premio di sviluppo pagato ai produttori
Agricoltura biologica
Una visione più sana dell’alimentazione
Scopri